watan nella casa di betlemme con la madre e la sorella

Ti auguriamo buona lettura della 3' parte della storia di Natale del Caritas Baby Hospital [ puoi trovare il primo episodio cliccando qui e anche la seconda parte cliccando qui ]


L’appartamento in cui vive la famiglia si trova a Al-Azzeh, un quartiere di Betlemme. Spesso i genitori si chiedono per quanto tempo ancora potranno rimanere lì.

Le stanze sono state arredate in base alle loro esigenze; alla scala a chiocciola è stata appesa un’altalena, e sotto la scala c’è l’angolo giochi dei bambini. Dalla cucina la madre può controllare tutto. In terrazza, d’estate, c’è una piccola piscina, che entrambi i bambini adorano. L’appartamento è piccolo, ma accogliente.

L’intoppo: l’abitazione è situata al quinto piano, e non ci sono ascensori. Sham, la sorella, conosce perfettamente i pericoli che nasconde una casa con tante scale; così riesce a salire da sola gli oltre 100 gradini che conducono all’appartamento, mentre Watan deve essere sempre portato in braccio dalla madre.

Azhar e Shaban avevano già pensato di scambiare il loro appartamento con quello di un altro membro della famiglia, ma questo non è possibile per questioni di spazio.

Stanno quindi cercando una nuova sistemazione, possibilmente vicino ai parenti, ma non hanno grandi speranze di trovare in breve tempo un alloggio adatto alle proprie possibilità finanziarie: il padre di Watan è, di professione, fotografo di matrimoni, e i suoi guadagni non sono particolarmente elevati.

La famiglia riesce a vivere, ma a fine mese non rimane molto; inoltre, non dispone di un’assicurazione contro le malattie. Per questo motivo i servizi sociali del Caritas Baby Hospital vedono come possono contribuire a coprire i costi delle sedute di fisioterapia. Anche se le singole sedute non sono così care, a fine mese si arriva comunque a una discreta somma.


La quarta e ultima parte della Storia di Natale dal Caritas Baby Hospital sarà pubblicata giovedì 21 dicembre! A presto.

Ultime Novità

  • 50.000 bambini curati a Betlemme, grazie a voi!

    All‘Assemblea generale di Aiuto Bambini Betlemme, tenutasi ieri a Friburgo (Germania), sono stati approvati la relazione annuale e il consuntivo,
    Continua
  • Una minuscola vita

    Quando è venuta al mondo, la piccola Talia pesava soltanto 750 grammi. Nessun ospedale di Betlemme voleva accogliere un neonato
    Continua
  • Trasparenza e sicurezza per i dati dei sostenitori e simpatizzanti

    A nome di Aiuto Bambini Betlemme Onlus,ho il piacere di aggiornare sul percorso che abbiamo intrapreso per garantire la massima
    Continua
  • Chi corre alla Maratona di Betlemme?

    Lo scorso fine settimana, si è svolta a Betlemme la Maratona della Palestina. Il percorso (42 km, 21 km, 10
    Continua
  • Veronica, giovane dottoressa in missione al Caritas Baby Hospital

    “Io, prima o poi, qui ci torno” si era detta lasciando l’ospedale pediatrico di Betlemme. Era il 2012 e c’era
    Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
   

Contattaci

Aiuto Bambini Betlemme Onlus

Via Roma, 67 I-37012 Bussolengo/Italia

Tel. (+39) 045 715 84 75

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI DI APERTURA

lunedì 8:30 - 12:30

martedì 8:30 - 12:30

mercoledì 8:30 - 12:30

giovedì 14:30 - 18:30

venerdì 8:30 - 12:30


Leggi le nostre INFORMATIVE SULLA PRIVACY

Leggi la nostra INFORMATIVA SUI COOKIE

Per le tue donazioni

Puoi versare i tuoi contributi su:

C/C postale 69795961

C/C bancario: IT 61 K 052 165 996 0000 0000 77979 - Credito Valtellinese

 

I vostri messaggi

Dalla Terra Santa ho portato nel cuore lo sguardo la tristezza dei bambini e mamme. Auguro che la vita sia colma di serenità per tutti. Vi invio un piccolo contributo per aiutarli.

Anna C.

Sono da poco rientrato dal Caritas Baby Hospital di Betlemme, grazie per l'accoglienza che ho ricevuto, sono onorato!

Diego B.

Ho visitato il Caritas Baby Hospital a Betlemme e do il mio piccolo aiuto ogni mese...

Carmela C.

Torno dai nostri bambini a Betlemme ogni anno... e tornerò presto!

Paolo F.