watan sorella caritas baby hospital natale

[ Puoi rileggere la prima parte della Storia di Natale dal Caritas Baby Hospital cliccando qui ]


I familiari di Watan sono stati tre volte fortunati a capitare al Caritas Baby Hospital. Per prima cosa, la struttura è situata vicino alla loro casa di Betlemme; in secondo luogo, la terapia somministrata nell’Ospedale è di massima qualità; infine, Watan adora il team dei fisioterapisti. Questo è molto importante per la buona riuscita delle sedute fisioterapiche, che si svolgono due o tre volte la settimana. Oggi Watan deve camminare su un tappeto fatto di materiali diversi: pietre, erba e PVC. Per il piccolo ogni singolo passo è una lotta. Per lui non è facile mettere il piede destro davanti a quello sinistro, e questo senza appoggiarsi sulle punte degli alluci. Per Watan compiere questo breve percorso è molto faticoso, ma il padre Shaban, la madre Azhar e i terapeuti fanno il tifo per lui. E il bambino si inorgoglise ulteriormente quando riesce a salire ancora due gradini di una scala di legno. Cerca l’approvazione dei suoi «fan» e, felice, solleva la testa guardando in alto.

I genitori sanno che Watan è un ragazzo sveglio e un po’ sfacciato e che ha sempre la risposta pronta. Sperano che il figlio, nonostante la menomazione fisica, possa frequentare una scuola normale. «Per questo ora stiamo facendo con lui quanta più fisioterapia possibile. Non trascuriamo nemmeno un costante esercizio fisico a casa». Azhar e Shaban vogliono fare tutto il possibile non lasciando nulla di intentato. «Watan non dovrà mai poterci rinfacciare, un giorno, di non aver fatto abbastanza per lui». Per razionalizzare l’agenda degli appuntamenti con i medici e i fisioterapisti, la madre ha addirittura preso la patente.

Un grande vantaggio è costituito anche dal fatto che la famiglia del marito abita nella stessa casa e che tutti si occupano con grande dedizione dei gemelli. Ogni tanto arriva la zia dal primo piano, altre volte Azhar porta i bambini alla nonna, altre volte è la zia che abita al terzo piano a bussare alla porta. Questo fa bene anche a Sham, la sorella di Watan, la quale, ricevendo ovviamente meno attenzioni, manifesta un po’ di gelosia. «Ci impegniamo moltissimo per riuscire a dedicarci in egual misura ad entrambi i gemelli, ma il compito estremamente arduo», concordano Azhar e Shaban.

Ultime Novità

  • Chi corre alla Maratona di Betlemme?

    Lo scorso fine settimana, si è svolta a Betlemme la Maratona della Palestina. Il percorso (42 km, 21 km, 10
    Continua
  • Veronica, giovane dottoressa in missione al Caritas Baby Hospital

    “Io, prima o poi, qui ci torno” si era detta lasciando l’ospedale pediatrico di Betlemme. Era il 2012 e c’era
    Continua
  • Buona Festa ai 3 Papà dei bambini accolti al Caritas Baby Hospital

    Oggi 19 marzo 2018 in occasione della Festa del Papà, festeggiamo simbolicamente tre grandi uomini, persone speciali che hanno dato
    Continua
  • Il dott Andrea Pettenazzo: un medico amico dei bambini palestinesi

    Alcune foto del Dott. Andrea Pettenazzo dell'Ospedale di Padova in visita al Caritas Baby Hospital di Betlemme. Il Dott. Andrea
    Continua
  • Un riferimento per i bambini nati prematuri in Palestina

    Una delle principali cause di morte tra i bambini è la prematurità; al Caritas Baby Hospital siamo orgogliosi di essere
    Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
   

Contattaci

Aiuto Bambini Betlemme Onlus

Via Roma, 67 I-37012 Bussolengo/Italia

Tel. (+39) 045 715 84 75

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI DI APERTURA

lunedì 8:30 - 12:30

martedì 8:30 - 12:30

mercoledì 8:30 - 12:30

giovedì 14:30 - 18:30

venerdì 8:30 - 12:30

Per le tue donazioni

Puoi versare i tuoi contributi su:

C/C postale 69795961

C/C bancario: IT 61 K 052 165 996 0000 0000 77979 - Credito Valtellinese

 

I vostri messaggi

Dalla Terra Santa ho portato nel cuore lo sguardo la tristezza dei bambini e mamme. Auguro che la vita sia colma di serenità per tutti. Vi invio un piccolo contributo per aiutarli.

Anna C.

Sono da poco rientrato dal Caritas Baby Hospital di Betlemme, grazie per l'accoglienza che ho ricevuto, sono onorato!

Diego B.

Ho visitato il Caritas Baby Hospital a Betlemme e do il mio piccolo aiuto ogni mese...

Carmela C.

Torno dai nostri bambini a Betlemme ogni anno... e tornerò presto!

Paolo F.