watan storia natale caritas baby hospital palestina

Pubblichiamo la 4' e ultima parte della storia di Natale dal Caritas Baby Hospital. Puoi trovare di seguito: la prima parte, la seconda parte, la terza parte.

Buona lettura e Buone Feste!


Spesso Azhar aiuta il marito a realizzare i servizi fotografici per i matrimoni, soprattutto quando si tratta di ritrarre le spose. «Di questo gli uomini ne capiscono poco», spiega la 27enne. I due coniugi formano una squadra affiatata, sia nella professione, sia nel privato.

Entrambi condividono il destino di Watan, che, essendo un bambino diverso dagli altri, richiede molto tempo e un forte supporto. In questa regione non è così comune il fatto che anche il padre partecipi così attivamente alla cura di un figlio disabile e alla gestione della casa. Spesso, in queste situazioni, gli uomini si ritirano, lasciando tutto il carico sulle spalle della donna.

Per aiutare a contrastare questa abitudine il Caritas Baby Hospital ci tiene particolarmente a coinvolgere entrambi i genitori nella cura dei figli e a fare in modo che la suddivisione dei compiti sia la più equa possibile. In questo senso i genitori di Watan sono esemplari.

«Come tutte le mamme, per mio figlio voglio il meglio. Questo non significa che un giorno Watan debba diventare medico o chissà cosa. Spero solo che sia in grado di provvedere a se stesso».

La giovane donna cerca di ricacciare indietro le lacrime, quando parla delle sue preoccupazioni per il futuro di Watan. Per distrarsi da questo pensiero, si rivolge ai bambini del reparto, chiedendo loro cosa vogliono fare da grandi. Watan la guarda in quel modo accattivante che solo lui ha, drizza la testa e risponde «La sposa».

La madre gli accarezza amorevolmente la testa e «traduce»: da grande Watan vuole fare il fotografo ai matrimoni.

La donna fa un respiro profondo, e per un attimo tutte le pressioni e le preoccupazioni sembrano sparire.

Ultime Novità

  • Una culla per 130 nati prematuri

    Ogni anno circa un bambino su dieci nasce prematuro. Solo al Caritas Baby Hospital di Betlemme ne sono già stati
    Continua
  • Da Betlemme, auguri di Buon Natale e Felici Feste!

    Auguri festosi e di cuore dai vostri amici al Caritas Baby Hospital di Betlemme! Da tutti i dipendenti, i bambini,
    Continua
  • Un vino speciale e un artista, dalla Cantina Komjanc per il Caritas Baby Hospital

    I proprietari dell'azienda vinicola "Cantina Alessio Komjanc" di San Floriano del Collio sono cari amici dei bambini di Betlemme. Con
    Continua
  • [ parte 4 di 4 ] La storia di Watan e della sua famiglia

    Pubblichiamo la 4' e ultima parte della storia di Natale dal Caritas Baby Hospital. Puoi trovare di seguito: la prima
    Continua
  • [ 3 di 4 ] Storia di Natale: casa di Watan ha più di 100 gradini

    Ti auguriamo buona lettura della 3' parte della storia di Natale del Caritas Baby Hospital [ puoi trovare il primo episodio
    Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
   

Contattaci

Aiuto Bambini Betlemme Onlus

Via Roma, 67 I-37012 Bussolengo/Italia

Tel. (+39) 045 715 84 75

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI DI APERTURA

lunedì 8:30 - 12:30

martedì 8:30 - 12:30

mercoledì 8:30 - 12:30

giovedì 14:30 - 18:30

venerdì 8:30 - 12:30

Per le tue donazioni

Puoi versare i tuoi contributi su:

C/C postale 69795961

C/C bancario: IT 61 K 052 165 996 0000 0000 77979 - Credito Valtellinese

 

I vostri messaggi

Dalla Terra Santa ho portato nel cuore lo sguardo la tristezza dei bambini e mamme. Auguro che la vita sia colma di serenità per tutti. Vi invio un piccolo contributo per aiutarli.

Anna C.

Sono da poco rientrato dal Caritas Baby Hospital di Betlemme, grazie per l'accoglienza che ho ricevuto, sono onorato!

Diego B.

Ho visitato il Caritas Baby Hospital a Betlemme e do il mio piccolo aiuto ogni mese...

Carmela C.

Torno dai nostri bambini a Betlemme ogni anno... e tornerò presto!

Paolo F.