nato prematuro palestina caritas baby hospital

Ogni anno circa un bambino su dieci nasce prematuro. Solo al Caritas Baby Hospital di Betlemme ne sono già stati trattati, nel 2017, oltre 130.

Circa il cinque – dieci per cento di tutti i bambini nascono prematuri, ovvero prima del compimeto della 37-sima settimana di gravidanza. Il peso di questi neonati è, spesso, significativamente al di sotto dei 2500 grammi. Le funzioni corporali di queste piccole creature spesso non sono sufficientemente sviluppate da consentirne la sopravvivenza senza adeguata assistenza sanitaria.

Anche in Cisgiordania la necessità di terapie intensive per i prematuri è elevata; molte sono le famiglie che trovano la soluzione al Caritas Baby Hospital di Betlemme, l’unico ospedale esclusivamente pediatrico della regione. Quest’anno l’ospedale ha già curato, finora, oltre 130 piccoli pazienti nati prematuri.

«Le cure sanitarie specialistiche prestate ai prematuri sono una condizione essenziale per il loro sviluppo. È particolarmente importante anche lo scrupoloso monitoraggio di questi pazienti, poiché ogni piccola infezione potrebbe essere fatale per loro», spiega la Dott.ssa Hiyam Marzouqa, primario del Caritas Baby Hospital.

In media, i bambini che vengono alla luce prima del termine naturale della gravidanza rimangono cinque settimane in ospedale, prima di poter andare a casa. Le cure, chiaramente, hanno un costo molto elevato. Oltre a medicinali costosi, ai piccoli viene somministrata, appena possibile, anche un’adeguata fisioterapia per rafforzare i loro polmoni o per favorire lo sviluppo del riflesso di suzione.

Poiché in Palestina non c’è un sistema di assicurazione sanitaria di base, la maggior parte dei trattamenti viene finanziata dalle offerte dei donatori italiani ed europei.

GRAZIE A TUTTI VOI!

Ultime Novità

  • Chi corre alla Maratona di Betlemme?

    Lo scorso fine settimana, si è svolta a Betlemme la Maratona della Palestina. Il percorso (42 km, 21 km, 10
    Continua
  • Veronica, giovane dottoressa in missione al Caritas Baby Hospital

    “Io, prima o poi, qui ci torno” si era detta lasciando l’ospedale pediatrico di Betlemme. Era il 2012 e c’era
    Continua
  • Buona Festa ai 3 Papà dei bambini accolti al Caritas Baby Hospital

    Oggi 19 marzo 2018 in occasione della Festa del Papà, festeggiamo simbolicamente tre grandi uomini, persone speciali che hanno dato
    Continua
  • Il dott Andrea Pettenazzo: un medico amico dei bambini palestinesi

    Alcune foto del Dott. Andrea Pettenazzo dell'Ospedale di Padova in visita al Caritas Baby Hospital di Betlemme. Il Dott. Andrea
    Continua
  • Un riferimento per i bambini nati prematuri in Palestina

    Una delle principali cause di morte tra i bambini è la prematurità; al Caritas Baby Hospital siamo orgogliosi di essere
    Continua
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32
  • 33
  • 34
  • 35
  • 36
  • 37
   

Contattaci

Aiuto Bambini Betlemme Onlus

Via Roma, 67 I-37012 Bussolengo/Italia

Tel. (+39) 045 715 84 75

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI DI APERTURA

lunedì 8:30 - 12:30

martedì 8:30 - 12:30

mercoledì 8:30 - 12:30

giovedì 14:30 - 18:30

venerdì 8:30 - 12:30

Per le tue donazioni

Puoi versare i tuoi contributi su:

C/C postale 69795961

C/C bancario: IT 61 K 052 165 996 0000 0000 77979 - Credito Valtellinese

 

I vostri messaggi

Dalla Terra Santa ho portato nel cuore lo sguardo la tristezza dei bambini e mamme. Auguro che la vita sia colma di serenità per tutti. Vi invio un piccolo contributo per aiutarli.

Anna C.

Sono da poco rientrato dal Caritas Baby Hospital di Betlemme, grazie per l'accoglienza che ho ricevuto, sono onorato!

Diego B.

Ho visitato il Caritas Baby Hospital a Betlemme e do il mio piccolo aiuto ogni mese...

Carmela C.

Torno dai nostri bambini a Betlemme ogni anno... e tornerò presto!

Paolo F.