Lasciti e testamenti di solidarietà

lasciti testamento caritas baby hospital aiuto bambini betlemme


Il gesto di amore più grande di tutta la vita

Al Caritas Baby Hospital ogni giorno dal 1952 si compie il miracolo della salute. Inserendo un lascito di solidarietà nel tuo testamento, puoi garantire ai bambini palestinesi ammalati le cure migliori per molti anni a venire.

Purtroppo, la situazione di conflitto e di deprivazione che colpisce la popolazione palestinese è grave. Col passare del tempo, i bisogni sanitari dei bambini e delle loro famiglie diventano più gravi. Le grandissime organizzazioni internazionali riescono a incidere molto poco su questa situazione.

Invece, la solidarietà delle persone e l'intervento delle associazioni e di altri enti di solidarietà, riesce ad affrontare questi problemi direttamente sul territorio, con progetti mirati e efficaci. Con un lascito a favore di Aiuto Bambini Betlemme garantirai le risorse per far funzionare il Caritas Baby Hospital. Il futuro dei bambini palestinesi è nelle tue mani, puoi fare moltissimo per la loro salute e la loro felicità.


Alcuni chiarimenti sui lasciti di solidarietà e i testamenti

  • Disporre un lascito all'interno del proprio testamento è possibile per tutte le persone maggiorenni capaci di intendere e di volere.
  • In assenza di un testamento, i diritti degli eredi sono tutelati dalla legge dello stato. Tuttavia, se manca un testamento che indichi chiaramente cosa spetta ad ogni erede, purtroppo è possibile che nascano liti tra di loro: infatti, il patrimonio del defunto viene distribuito in quote (es: 50% a un figlio e 50% al coniuge) e non sempre gli eredi riescono ad accordarsi su quali beni vadano ricompresi nelle quote che gli spettano di diritto. Per questo è consigliabile scrivere il proprio testamento, indicare con precisione cosa dei propri beni spetta a chi degli eredi, e ricordarsi della possibilità di includere un ente di solidarietà come destinatario di un lascito.
  • Il testamento può essere scritto in privato (forma "olografa"). E' sufficiente seguire queste indicazioni: scrivere le proprie volontà interamente a mano con una penna; numerare ogni pagina; datare e firmare l'atto (meglio se in ogni sua pagina). In alternativa, si può depositarlo da un notaio e chiedere che sia registrato come atto pubblico, alla presenza di due testimoni.
  • Nel caso di testamento olografo, è consigliabile avvisare i propri cari o un notaio del luogo in cui è conservato il documento.
  • Nel caso di testamento olografo, è consigliabile avvisare l'ente di solidarietà prescelto che è stato inserito nel testamento
  • Il testamento è sempre modificabile o annullabile. L'unica persona che può decidere quale sia la versione definitiva è il suo autore. Per modificare un lascito, è sufficiente annullare l'atto precedente (ad esempio distruggendolo) e produrne uno di nuovo con data aggiornata.
  • Il lascito non deve per forza avere un grande valore! E' un gesto di solidarietà alla portata di molti, se non di tutti: anche lasciti di importo modesto possono essere una grande sostegno a un'opera di solidarietà.
  • A titolo di esempio, un lascito di solidarietà può essere costituto da questi tipi di beni:
    - denaro
    - beni immobili
    - le somme giacenti in un conto corrente, o un conto di deposito - beni mobili (anche auto, moto...)
    - beni preziosi (gioielli, opere d'arte...) - titoli, azioni, obbligazioni, libretti postali - una polizza assicurativa sulla vita, o altri tipi di polizze
    - il TFR (trattamento di fine rapporto)
  • Per informazioni e chiarimenti

    Siamo a vostra disposizione a questi riferimenti:
    Riccardo Friede - 347 380 98 53 - lasciti@aiutobambinibetlemme.it